META name="y_key" content="8e05f0120efde1bc"

Dott. Alberto Tofanari

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


Disturbi dell'Apprendimento

Minori > Disturbo dell'Apprendimento

Disturbi dell’Apprendimento

Questa sezione sui Disturbi dell’Apprendimento comprende il Disturbo della Lettura, il Disturbo del Calcolo, il Disturbo dell’Espressione Scritta, e il Disturbo dell’Apprendimento Non Altrimenti Specificato.
I Disturbi dell’Apprendimento vengono diagnosticati quando i risultati ottenuti dal soggetto in test standardizzati, somministrati individualmente, su lettura, calcolo, o espressione scritta risultano significativamente al di sotto di quanto previsto in base all’età, all’istruzione, e al livello di intelligenza. I problemi di apprendimento interferiscono in modo significativo con i risultati scolastici o con le attività della vita quotidiana che richiedono capacità di lettura, di calcolo, o di scrittura. Possono essere usati diversi metodi statistici per stabilire se un divario è significativo. Di solito viene definito sostanzialmente inferiore un divario di più di 2 deviazioni standard tra i risultati ed il QI. Si utilizza talora un divario minore tra i risultati ed il QI (per es., tra 1 e 2 deviazioni standard), specie nei casi in cui la prestazione del soggetto nel test di QI può essere stata compromessa da un disturbo associato dell’
elaborazione cognitiva, da un disturbo mentale o da una condizione medica generale concomitanti o dal retroterra etnico o culturale del soggetto. Se è presente un deficit sensoriale, le difficoltà di apprendimento devono andare al di là di quelle di solito associate al deficit. I Disturbi dell’Apprendimento possono persistere nell’età adulta.



Torna ai contenuti | Torna al menu