META name="y_key" content="8e05f0120efde1bc"

Dott. Alberto Tofanari

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


Disfunzione Orgasmica

Disfunzioni Sessuali > Disfunzioni Femminili

Disfunzione orgasmica


Le difficoltà orgasmiche sono probabilmente i disturbi sessuali più spesso lamentati dalle donne, eppure è proprio questo l’argomento più confuso e complicato nel campo della terapia sessuale.
Il termine “Disfunzione Orgasmica” è qui usato per definire una inibizione specifica della componente orgasmica della reazione sessuale. La donna soffre di disfunzione orgasmica primaria se non ha mai sperimentato un orgasmo; se viceversa il disturbo si è sviluppato dopo un periodo durante il quale la donna aveva raggiunto l’orgasmo normalmente, la disfunzione orgasmica si dice secondaria. La disfunzione orgasmica può essere assoluta o situazionale. Se è assoluta, la paziente non è in grado di raggiungere l’orgasmo né coitale né clitorideo in nessuna circostanza; se soffre di disfunzione orgasmica situazionale, la paziente può raggiungere un orgasmo, ma soltanto in circostanze particolari.
Le donne in-orgasmiche, possono non mostrare una inibizione significativa del piacere erotico o della componente vaso congestizia della reazione sessuale, ma esse restano bloccate alla fase di
plateau della reazione sessuale o poco prima. Queste donne non son in grado di raggiungere l’orgasmo, o hanno grande difficoltà a raggiungerlo, anche se la stimolazione che ricevono sarebbe normalmente considerata sufficiente alla liberazione della scarica orgasmica.
Inoltre la comprensione della disfunzione orgasmica dipende da una chiara concettualizzazione dell’orgasmo femminile. Studi recenti hanno dimostrato che la dicotomia tra orgasmo clitorideo e vaginale è mitica, infatti questi studi hanno concluso che esiste un solo tipo di orgasmo femminile, che non è né clitorideo né vaginale, ma comprende ambo le componenti, clitoridea e vaginale.



Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu